A, B, C... e poi? D?

Da qualche parte mi arriva la sollecitazione a volare più raso terra, ogni tanto almeno. Allora ricominciamo dalle basi.

LUCE
Quella roba che se ci arriva addosso in quantità eccessiva ci acceca momentaneamente e ci riscalda il corpo. No, non è un cucciolo troppo affettuoso quello di cui sto scrivendo. Sarebbe una radiazione elettromagnetica, ma che dentro c'ha anche i fotoni. Stop. Non frega niente a nessuno di questi dettagli. L'importante è che ci sia, la luce dico.

FOTOGRAFIA
Immagine tecnica ottenuta da un congegno a base ottica e funzionamento meccanico e/o elettronico. Il congegno lavora solo in presenza di luce. Quanta ne serve dipende dalle sue caratteristiche di fabbrica. le fotografie non si fanno, si prendono. Da dove? Dalla luce.

TEMPO
Ce ne vuole sempre. Non esiste nessuna fotografia che non sia frutto di tempo. Tempo di azione della luce dentro il congegno, tempo per mettersi dove serve, tempo per modificare dopo quello che non serve o serve diverso. Se non avete tempo, fate altro insomma.

DIAFRAMMA
Non ridete, Dico ai ragazzi. Il diaframma è un buco. Ho detto di non ridere.
Sì è un buco che fa passare la luce nel congegno. Se c'è solo il buco si chiama come una roba ortopedica: foro stenopeico. Sembra quello che ti fa male quando cambia il tempo. Arieccolo il tempo... Se invece il buco è dentro un coso a cilindro che sta piantato sul davanti del congegno, a proposito il congegno si chiama macchina fotografica o fotocamera, ecco che si chiama diaframma. Nel cilindro ci stanno tanti pezzi di vetro diversi e siccome li hanno messi in modo che vadano tutti d'accordo tra loro, lo chiamano obiettivo. Il buco può essere rotondo, ma più spesso è poligonale (c'ha tanti lati...). Serve da rubinetto della luce, come fosse per l'acqua no? Più aprite il buco più ne entra e viceversa. Ma non si chiude mai del tutto mannaggia. Per chiudere ben bene la fotocamera ci vuole un tappo o un...

OTTURATORE
Una saracinesca che sta sempre chiusa e si apre solo quando lo dite voi e per il tempo, sì quello di prima, che decidete voi. Avete dubbi su quale sia quello giusto? Mettete la fotocamera su A o P o una di quelle vignette idiote che ci mettono sempre. Ci pensa lei a voi. Voi non lo sapete ma nelle fotocamere di oggi hanno messo vecchi fotografi dei gloriosi anni Ottanta. Ora sapete perché non li vedete più in giro. E chi avrebbe più voglia di pagarne uno visto che da soli, o se proprio siete imbranati con l'aiuto del solito cugino (l'Italia è un paese af-fondato sui cugini e nipoti), potete finalmente fare foto bellissime lo stesso?

Basta per oggi, sento puzza di bruciato, non vorrei che il surriscaldamento dei residuali neuroni in circolazione aumentasse l'effetto serra...




Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

Sotto il vestito meno di niente.

La dittatura degli ignoranti.