L'illusione di una descrizione letterale.

©1957 Garry Winogrand, New Mexico.

"Una fotografia è l'illusione di una descrizione letterale di come una macchina fotografica vede un pezzetto di tempo e spazio. Capito questo, si può postulare il seguente teorema:

Tutte le cose sono fotografabili.
Una fotografia può solo essere simile a come la macchina fotografica ha visto ciò che ha fotografato.
Ovvero, come la macchina fotografica ha visto quel pezzetto di tempo e spazio è responsabile dell'aspetto della fotografia.
Quindi, una fotografia può avere qualunque aspetto. Ovvero, non c'è nessun aspetto che la fotografia debba per forza avere (al di là di essere un'illusione di una descrizione letterale). Ovvero, non ci sono regole esterne o astratte o preconcette della forma che si possono applicare alla fotografia."

Garry Winogrand





Testo tratto da:

Quaderni di cultura fotografica 3
DOCUMENTI E FINZIONI
Le Mostre americane negli anni Sessanta e Settanta
Istituzioni e curatori protagonisti tra East e West Coast

A cura di Maria Antonella Pelizzari


(Traduzioni di Bruno Boveri)


Agora  Editrice, Torino, 2006.
ISBN 88-85887-08









Post popolari in questo blog

Una cultura fotografica.

Sotto il vestito meno di niente.

La dittatura degli ignoranti.