Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2009

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo

Il noto, il familiare, continuamente scoperti e arricchiti, sono la premessa dell'incontro e dell'avventura; la ventesima o centesima volta in cui si parla con un amico o si fa l'amore con una persona amata sono infinitamente più intense della prima.
Ciò vale pure per i luoghi; il viaggio più affascinante è un ritorno, un'odissea, e i luoghi del percorso consueto, i microcosmi quotidiani attraversati da tanti anni, sono una sfida ulissiaca.

Claudio Magris

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine
©2009 Fulvio Bortolozzo (bortolozzo.net)

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Scene di passaggio (Soap Opera)

Immagine

Le presenze di Pier Paolo

Immagine
Dalla serie Intercity © 2006-2008 Pier Paolo Fassetta

Di recente l'artista veneziano Pier Paolo Fassetta ha dato alle stampe un volumetto intitolato "Presenze" che racchiude la sintesi della sua quarantennale ricerca sul fotografico.
Dalle prime indagini concettuali della fine degli anni '60, Fassetta approda, con metodo e rigore immutati, alle sperimentazioni digitali più recenti. Un percorso senza soluzione di continuità che ci restituisce tutto il valore dell'approccio più meditato al senso stesso di un gesto, il fotografare, sempre più spesso dato per scontato, come fosse solo una delle diverse possibilità operative del corpo umano.

Dalla serie Intercity © 2006-2008 Pier Paolo Fassetta

Per Fassetta l'atto fotografico pone invece problemi d'ogni genere che ne impediscono l'esercizio irriflessivo tipico dell'istantanea. Dentro la traccia visiva raccolta dalla camera convivono difatti volontà e accadimenti in proporzioni ogni volta nuove e tutte, s…

Rompiamo il silenzio

Immagine
“Il cammino della democrazia non è un cammino facile. Per questo bisogna essere continuamente vigilanti, non rassegnarsi al peggio, ma neppure abbandonarsi ad una tranquilla fiducia nelle sorti fatalmente progressive dell’umanità… La differenza tra la mia generazione e quella dei nostri padri è che loro erano democratici ottimisti. Noi siamo, dobbiamo essere, democratici sempre in allarme”.

Norberto Bobbio

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

La maggioranza degli Italiani

Immagine
Giornalisti, per la maggioranza degli italiani dicono bugie ...A newspaper consists of just the same number of words..., originally uploaded by thorgunnan. da http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?
imagoromae.blogosfere.it/2008/10/giornalisti-per-la-maggioranza-degli-italiani-dicono-bugie.html - 65k - Copia cache - Pagine simili Gaza; La maggioranza degli italiani sta con Israele (Xiaodong People)Gaza; La maggioranza degli italiani sta con Israele Milano, 11 gen. (Apcom) - Italiani sempre più colpiti e coinvolti dalle vicende della guerra che ha ...
xiaodongpeople.blogspot.com/2009/01/gaza-la-maggioranza-degli-italiani-sta.html - 23k - Copia cache - Pagine simili La maggioranza degli italiani (cattolici compresi) a favore dell ...La maggioranza degli italiani (cattolici compresi) a favore dell'eutanasia. - Ipr marketing per Repubblica.it, 29 novembre 2006 ...
www.lucacoscioni.it/sondaggi_eutanasia - 16k - Copia cache - Pagine simili Camelotdestraideale.it » Blog Archive » Mannheimer: …

Eluana nel limbo

Immagine
Seguo, come tanti, la vicenda di Eluana Englaro attraverso il disordinato flusso di informazioni che mi raggiungono dai vari media. Fino ad oggi l'ho fatto in silenzio. Stamattina però ho sentito il bisogno di aggiungere qualche riga sul mio blog al già tanto, forse troppo, detto, quando ho trovato su Google questa fotografia qui sopra, che non sono riuscito ad attribuire ad alcun autore e me ne scuso con l'interessato.

Vedo nell'immagine un uomo in età che tiene in mano la fotografia di una giovane ragazza. Mi sembra una di quelle fotografie autocelebrative che spesso le belle ragazze si fanno fare nello studio di qualche bravo fotografo professionista. L'espressione del volto è difatti "posata", cioè non spontanea come in una classica istantanea, ma studiata per dare un buon risultato estetico. Lo fanno per consegnare al futuro il loro aspetto ritenuto "migliore", cioè quello giovanile, quando il fiore femminile è al suo massimo splendore.

L'uom…

Appunti per gli occhi

Immagine

Appunti per gli occhi

Immagine

Un falso problema

Immagine
Con l'avvento dell'informatica sono nate all'interno del "sacro recinto" fotografico diverse diatribe innescate dai sostenitori di una presunta purezza della Fotografia (con la "F" maiuscola) sconciata orribilmente dagli interventi resi possibili dalla digitalizzazione.

Posizioni come queste mi hanno sempre divertito perché disconoscono allegramente l'autentica "purezza" del mezzo fotografico. Fin dalle origini difatti, ogni immagine fotografica è sempre stata ritoccata, più o meno abilmente, per ricavarne i dati che si desiderava mostrare. Temo siano stati i lunghi anni di cattiva comprensione di un grande fotografo come Henry Cartier-Bresson a dare il via al mito del negativo intoccabile, scrigno fedele della verità!

A riprova di quanto affermo, ho ritrovato tra gli scarti di una libreria, svenduti al 90% del loro prezzo di copertina, un volumetto edito nel 1984 in America e dedicato alle fotografie realizzate dal tedesco Arnold Genthe nel…

Appunti per gli occhi

Immagine

1977. Due film per riannodare un filo

Immagine
Léora Barbara in una fotografia di scena dal film Stella di Sylvie Verheyde (2007).

Vorrei segnalare due film visti di recente, ambientati entrambi nella seconda metà degli anni '70. Il primo è "Stella", una pellicola francese distribuita in Italia dalla Sacher Film. La storia racconta il passaggio dall'infanzia all'adolescenza di una bambina, la stessa regista Sylvie Verheyde, divisa tra la vita nel bar periferico dei genitori e la novità del primo anno in una scuola media di alto livello di Parigi nel 1977. Il cuore del film è nella crescita di Stella. Diversamente dai personaggi del suo ambiente di provenienza, Stella ha un dono raro, anche negli ambienti estremamente più favoriti in cui vivono i suoi compagni di classe: l'intelligenza naturale. Il film racconta proprio, con bellissimi accenti di verosimiglianza, lo sbocciare di questa giovane…